Quarta fase: 2012

Oltre alla ripulitura generale dell’immagine, di cui si può ora apprezzare l’ispirazione originaria, si sono tolti alcuni impropri e goffi appesantimenti recenti (primo decennio del Novecento): un pozzo con la grandine che vi era attirata dentro, ai piedi di S. Grato; la usuale campanella nelle mani di S. Antonio, tenuta con la improbabile mano sinistra.Quarta fase: 2012

L’attuale restauro ha voluto custodire, senza nulla distruggere, le mutevoli espressioni della devozione del popolo chivassese.